La netmask spiegata a mia Figlia

Invent your business,
today is possible.

CONTATTI
AL TUO SERVIZIO
info@abset.it

La netmask spiegata a mia Figlia

Tra tutti i parametri per l'impostazione dell'accesso alla rete, la netmask è uno tra gli elementi maggiormente circondato da un alone di mistero. Questo documento cerca di spiegare con un linguaggio comprensibile anche ai non addetti ai lavori, cos'è la netmask e in che modo il computer utilizza tale informazione per l'invio dei dati sulla rete. Ulteriori informazioni sulla netmask sono spiegati nella seconda parte di questo articolo.

La famigerata triade: IP, gateway e netmask.

Aquasi tutti è capitato, almeno una volta, di imbattersi nel cosi detto indirizzo IP ossia in quella quaterna di numeri, compresi tra 0 e 255, separati da un punto. Magari incuriositi poi da questo oggetto si è ricercato un po' sulla sulla rete il suo significato fino a scoprire che l'IP altri non è se non l'indirizzo univoco di ogni macchina pubblica su Internet.

L'indirizzo IP è quindi, nel mondo virtuale di Internet, quello che l'indirizzo postale è nella vita di tutti i giorni. Nel mondo reale l'indirizzo postale identifica univocamente un destinatario (e mittente) di una lettera di modo che questa possa giungere all'unico reale destinatario tra tutti i miliardi di possibili destinatari. Nel mondo virtuale l'indirizzo IP identifica univocamente il mittente e il destinatario di un particolare oggetto chiamato pacchetto TCP/IP.

Analogia tra l'invio di una normale lettera postale
e l'invio di un pacchetto TCP/IP

Quindi come una lettera contiene, sulla busta, l'indirizzo postale del mittente e del destinatario, nel mondo del TCP/IP, ogni pacchetto contiene sulla busta, chiamata in questo caso "header", l'indirizzo IP del mittente e del destinatario.

L'informazione che i due calcolatori vogliono scambiarsi e che, nel mondo reale, farebbe le veci del contenuto della lettera è chiamata, nel mondo dei computer, "payload".

Quindi due computer per comunicare si scambiano pacchetti TCP/IP contenenti nell'header i loro rispettivi indirizzi IP e nel payload l'informazione vera e propria.

Affinché tutto questo funzioni senza ambiguità è necessario che l'assegnazione degli indirizzi pubblici di Internet sia univoca e non sia quindi possibile darsi arbitrariamente un indirizzo IP. Infatti, come nella vita reale, anche in quella virtuale non possiamo inventarci un indirizzo ma esso ci viene assegnato.

Descrizione
Maschera di configurazione TCP/IP su windows

Una volta in possesso dell'indirizzo IP da assegnare al nostro calcolatore possiamo aprire la schermata relativa alla configurazione della rete. Ma qualunque sia il nostro sistema operativo ci troveremo sempre di fronte ad almeno tre parametri: il già citato indirizzo IP, la netmask e il gateway di default e finché la configurazione di questi parametri non è corretta e coerente non saremo in gradi di accedere alle risorse di rete.

Ma se nella vita reale, l'indirizzo postale basta per poter spedire e ricevere una lettera, perchè su Internet l'indirizzo IP non è sufficiente?

Potete leggere l'articolo integrale su... http://www.ebruni.it/docs/la_netmask_spiegata_a_mia_figlia/